SPACE FESTIVAL EDIZIONE 2023

Incontri divulgativi dedicati al ritorno delle missioni lunari, alla prospettiva del turismo spaziale e al ruolo delle donne impegnate in ambito scientifico-tecnologico, conferenze sull’industria piemontese e il suo importante apporto ai progetti satellitari ed esplorativi, proiezioni di film e presentazione di libri spiegati e commentati da esperti del settore, visite guidate in alcune delle realtà aziendali dell’aerospazio più rappresentative nel panorama mondiale, e ancora esposizioni di prototipi e aeromodelli, mostre fotografiche, spettacoli dal vivo e momenti esperienziali con l’utilizzo di realtà virtuale, robot e droni. Tutto sold-out fin dal primo giorno. Si chiude con un bilancio molto positivo lo Space Festival 2023 a Torino, l’unico evento pop in Italia con tanti appuntamenti tutti gratuiti interamente dedicati allo spazio e
all’astronomia: oltre 25 mila visitatori, tra gli appassionati che si sono iscritti agli eventi online a cui si sono aggiunti i curiosi dell’ultimo minuto e i turisti attratti dalle fantastiche scenografie dello Space Truck
allestito in Piazza San Carlo.

Una cinquantina le occasioni di conoscenza, intrattenimento, narrazione e informazione ospitate in diversi luoghi della città e in location quali il Politecnico di Torino, il Planetario Infini.To di Pino Torinese, la
Pinacoteca Agnelli con la Pista500 del Lingotto, l’Aero Club e il Cinema Ambrosio, l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Torino e la Cavallerizza Reale, nonché la sede di Altec che ha aperto le porte del proprio centro di ricerca e produzione alle visite del pubblico.

Tra gli ospiti che hanno preso parte all’evento molti esperti e volti noti, tra cui gli astronauti Maurizio Cheli e Paolo Nespoli, l’astrofisico Roberto Battiston, già presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Don Luca Peyron, sacerdote della Diocesi di Torino e fondatore del primo apostolato digitale in Italia, Luca Cableri, gallerista e appassionato di collezionismo spaziale, Adrian Fartade, divulgatore scientifico, youtuber e scrittore di astronomia e astronautica, Walter Cugno, Vice Presidente del Dominio Esplorazione e Scienza di Thales Alenia Space e Responsabile del Sito aziendale di Torino, Vincenzo Giorgio, Amministratore Delegato di ALTEC e Steve Della Casa, critico cinematografico ed ex direttore artistico del Torino Film Festival.
Un successo da attribuire a tutta la filiera organizzativa dell’evento: dalla passione e dall’estro del Direttore artistico Marco Berry al supporto economico dell’Assessorato alle attività produttive della Regione Piemonte, che insieme ai contributi di Unione Industriali Torino e AMMA ne hanno reso possibile la realizzazione. Oltre agli sponsor industriali Thales Alenia Space e Altec, alla partnership con il Politecnico di Torino e UniTO al patrocinio di Comune di Torino, ASI – Agenzia Spaziale Italiana, Distretto Aerospaziale del Piemonte e API Torino – Associazione Piccole e Medie Imprese. Fino agli enti e alle strutture che hanno messo a disposizione le loro location.

“Siamo davvero felici e soddisfatti del successo di questa seconda edizione dello Space Festival, che abbiamo realizzato cercando di rappresentare e descrivere lo spazio e i suoi segreti come lo si racconterebbe a un adolescente. Siamo sicuri che ogni visitatore sia tornato a casa con qualche risposta e qualche nozione in più: questa era la nostra missione. Il sold-out degli appuntamenti già dal giorno dell’apertura ha dimostrato che questa manifestazione è stata apprezzata e che c’è tanta voglia di saperne di più su un mondo che affascina, stupisce e meraviglia”.

Marco Berry

Condividi

Facebook
Twitter

Ti potrebbe interessare

Dona con paypal





Dona con bonifico bancario

Bonifico bancario
CONTO UNICREDIT
IBAN: IT85T0200801006000102385977
BIC: UNCRITM1806
Beneficiario: Marco Berry Onlus Magic for Children

ILLUSION, lo spettacolo di magia presentato da Marco Berry con la partecipazione straordinaria di Raul Cremona torna a Bergamo all’Auditorium Seminario Vescovile in via Arena 11.

SAVE THE DATE: SABATO 9 MARZO 2024, h. 20,30